L'uso dello stato Alfa
 

Up

Home
Up
FD il Quinto Stadio
L'uso dello stato Alfa
Un Nuovo Metodo di Cura
L'impigo di TT en Psicoterapia

L`USO DELLO STATO ALFA COME CAMMINO PER L`EVOLUZIONE SPIRITUALE

L'immagine guidata nello stato alfa come stimolo per esperienze trascendentali/spirituali.

Maud Nordwald Pollock

Assistere l'umanità nell`evoluzione spirituale e stato l`impulso di tutte le religioni e filosofie. Se osserviamo lo stato attuale del mondo non sembra fino ad ora ch ciò sia servito molto. Ciò e, io credo, perche fino ad ora il procedimento usato dall maggioranza delle persone era basato sullo stimolare l'emozione o su una spiegazione intellettuale soggettiva. La crescita spiritale in un individuo si manifesta con un atteggiamento di vita armonioso, di accettazione e di non giudizio, di non separazione dall'universo, dalla natura, dal nostro pianeta e dai suoi abitanti. Uno stato di unita con tutto , uno stato che io chiamo "stato di amore incondizionato".

Per arrivare a questo stato ci sono molte vie disponibili; la strada scelta da tutti i viaggiatori e, per loro, quella giusta. Un passo che sembra essere universale e quello dell'esperienza trascendentale, l'esperienza mistica. Fino ad ora si pensava che queste esperienze fossero il dominio di particolari asceti o di individui che avevano scelto di adoperare droghe allucinogene, questo include i riti sciamanici che fanno parte delle culture primordiali.

Le conseguenza delle esperienze suddette, escluse quelle ascetiche, rimangono discutibili poiché gli effetti di queste aperture forzate non sono misurabili sui piani interni. Ma queste sono ugualmente esperienze: ciò che conta e come l'individuo impiega queste esperienze.

Per stabilire cosa e un`esperienza trascendentale "naturale" (non indotta da droghe) dobbiamo adoperare come base di comparazione le esperienze raccontata dai mistici. Le esperienze descritte risultano da pratiche di meditazione o di improvvisi slanci in stati trascendentali. Un altor raffronto si può fare con ciò e messo a disposizione dalla letteratura occidentale: questi stati trascendentali possono essere raggiunti anche attraverso particolare pratiche di respirazione chiamata HOLOTROPIC (movimento verso l'integrità) sviluppato da Stanislav Grof, oppure delle tecniche dal respiro del re-birthing, oppure attraverso particolari riti tantrici collegati anche al respiro e alla gestione delle energie come insegnato da Mantak Chia, oppure con altri training come bio-feedback or training autogeno. Io ho scoperto, e sono sicura che altri che fanno simile lavoro hanno fatto la stessa scoperta. che un altro modo di arrivare a questo stato trascendentale può essere l'esperienza spontanea che risulta dall'immagine guidata si e nello stato alfa. Il più importante aspetto di queste emergenze a capire se esse esercitano un effetto positivo permanente di cambiamento di atteggiamento o di comportamento nell'individuo o se tutto sembra rimanere come prima. Charles Tart parla di quest'ultima possibilità, quando descrive i risultati di esperienze di persone che hanno fatto uso di droghe psichedeliche.

Tart dice che gli effetti sono come se "avendo visto un film molto significativo su come cambiare la propia vita per il meglio, si continui ad andare a vedere questo genere di film invece di applicare gli insegnamenti del film per cambiare se stessi"(1) Il mio pensiero e che l'individuo non e proto per incorporare quest'esperienza nella sua vita, sia indotta per droga o naturale; l'esperienza per essere più o meno usata più tardi nella vita.

Il mio coinvolgimento nel processo di evoluzione spirituale e nello stimolare l'esperienza trascendentale in altri e iniziato nel 1984. In quell'anno sono stata invitata da Rolando e Marco Marchesan, direttore e fondatore rispettivamente della Università internazionale della nuova medicina , a Milano , In Italia, a insegnare Therepeutic Touch. Questa ente si occupa di un lavoro pionieristico di metodologie alternative; principalmente dell' applicazione dell'ipnosi in terapia, medicine, nascita, ecc. e psicologia della scrittura sviluppata dal prof. Marco Marchesan.

Il Therapeutic Touch e un metodo olistico di guarigione con le mani sviluppato negli USA. Si può dire che il Therapeutic Touch e una versione più evoluta della pranoterapia. Poi che la guarigione con le mani e dovuta alla trasmissione di energia cosmica, e non personale, quando stavo elaborando il mio workshop ho pensato che i partecipanti avevano bisogno di sapere attraverso un'esperienza personale come si sente questa energia quando viene emessa dalle mani. Conoscevo gia dal 1979 l'ipnosi e i suoi effetti benefici. Ho pensato allora che questo era un metodo giusto per stimolare l'emissione dell'energia nello stato di trance alfa. Conseguentemente ho elaborato una serie di meditazioni per aiutare a produrre questi effetti desiderati.

Non potevo sapere allora che queste immagini guidate sarebbero diventate vie per l'evoluzione spirituale. Dal 1984 ho tenuto molti workshop e scoperto il sottile simbolismo che dimostra il procedimento di evoluzione dei partecipanti. Uno dei procedimenti del workshop e la condivisione dei participati con il gruppo delle proprie esperienze di immagine guidata in stato alfa fatte in precedenza. Questo mi permette di valutare il loro processo e di aiutarli a risolvere i blocchi. Il tema del simbolismo svolto vasto e vario e si potrebbe molto facilmente essere influenzati dalla interpretazione soggettiva basata sul punto di vista materialistico di alcuni suoi esponenti. Per questa ragione ho scelto una via indipendente e sviluppata una interpretazione basata su ciò che ho sentito e osservato ripetutamente nei processi che si sono svolti nei partecipanti. Sono sicura che esistono immagini archetipiche pero allo stesso tempo ho pensato che fosse meglio scopiere il significato di queste immagini desumendolo dal lavoro che avviene nel workshop. un altor degli obiettivi principali dell'uso dell'immagine guidata in stato alfa e assistere i partecipanti a raggiungere simbolicamente e i blocchi non sciolti che impediscano di essere in uno stato incodizionale quando praticano l'atto di guarigione. Stato in condizionale vuol die aiutare un altro nella sua auto guarigione senza dare un giudizio die giusto o dell'ingiusto di questo procedimento, o desiderare un risultato guarniti qualunque; questo e lo stato di amore incondizionato quando si trasmettente d'energia comica.

Scopri quasi subito che non si arriva a quello stato di Amore Incondizionato con la facilita` che credevo: questo e' diventato particolarmente evidente quando nei miei workshop erano presenti esclusivamente professionisti del campo sanitario. Mi sono resa conto che la maggioranza di questi soffrivano di una profonda mancanza di amore per se stessi, evidenziato en il loro ovvio sindromi del aiutante. Questa rialita' è stata dimostrata particolarmente quando una delle mie partecipanti infermiere ha detto con stupore "Come è possibile guarire altri con amore quando ci sentiamo cosi poco amati noi stessi."(2) Mi sono reso conto che delle cose che vengano messo a fuoco dalle mie immagini guidate e' il fatto che se trovano in un stato di mancanza d'amore per se stessa si ne rendeva conto. Adoperando l'immagine guidata nello stato alfa io assisto il partecipane nell'apprendimento dell'amore di-se stesso, il primo stato necessario per poter amare altri incondizionatamente.

Nei primi anni il workshop era dedicato solo all'insegniamento della guarigione degli altri; passando il tempo l'attenzione principale e' diventata quella di guarire prima se stessi. cambiando lo scopo del workshop ho incluso altri elemeti come il "Feeling Dissolve"K (come trasformare e dissolvere sentimenti negativi) e anche nelle mie immagine guidate, per assistere e sopportare il procedimento autoguaritivo. Con questi nuovi elementi il procedimento di auto guarigione diventa più' profondo e permanente.

Una delle prime immagini guidate che io presento nei workshop e' la seguente: il partecipante prende un tappeto magico o una nuvola per viaggiare in un luogo particolarmente sereno. Mi sono resa conto dopo un può' che la scelta del vicolo diventa un'indicazione dello stato del partecipante: se questo/a era disposto/a rischiare, a essere aperto al nuovo (la nuvola), o aveva bisogno di sicurezza e stabilita' (il tappeto). I colori del tappeto per esempio rivelano si l'individuo tratteneva rabbia dentro di se, che tipo di rabbia, e se c'erano altre cose non risolte. Mi sono resa conto che posso ricavare molte informazioni anche della scelta che fanno del luogo. Per esempio se l'individuo sceglie la cima di una montagna o un'isola rocciosa circondata da rovi in messo alla corrente di un fiume,(3) dimostrava separazione, distacco. Si la persona era seduta su una roccia o una superficie di pietra, ho scoperto che questo significa che la persona era seduta su un cumolo di problemi non risolti; la grandezza della roccia definisce la grandezza del cumulo. Se il luogo scelto era una radura in mezzo a un bosco buio, il bosco e pure un simbolo di problemi non risolti, non altrettanto petrificati come le rocce. Più' piccola era la radura, più' problemi non confrontati c'erano. Se la persona sceglie una collina ripida cio' dimostra che essa ha paura di sciabolare e di non poter tenere le cose sotto controllo. Se sceglie una barca questo dimostra una certa separazione dalle radici e attaccamento alla terra. Scellino una spiega pulita guardando a un mare aperto dimostra una disponibilità' a la trasformazione.

Una delle più' interessanti scoperte per me fu quella che ciascuno di noi a un centro particolare, in la zone dal corpo che si chiamano chakra, che rappresentano i propri elementi psicologici di cui la persona al momento si occupa, (di questi chakra ci sono dodici.) In questa immagine guidata io propongo ai partecipanti di identificare i loro centri. Le risposte avute non corrispondevamo a quanto mi aspettavo perche' il proposito di questa suggestione era di assistere a gli partecipanti accentrarsi. Il centrare e' un stato di tranquillità' interna o "presenza" che ci permette di percepire la emanazione vibratoria dal altro e al stesso tempo un stato di bilancio e collegamento per diventate un tramite d'energie cosmica. Avevo impiegato diversi anni per capire che i partecipanti invece di procedere a collegarsi, cioè "centrarsi", mi stavano indicando il chakra che per loro in quel momento era al cento della loro evoluzione personale.

Per imparare a guarire serve anche capire quello che io chiamo anatomia spirituale. I miei partecipanti si rendono conto che la nostra presenza nello spazio - tempo non e' limitata al corpo fisico. Consistiamo di molti altri corpi che circondano e coabitano nel fisico. Le emanazione dei corpi di luce e conosciuta come l'aura. Possiamo sentire questi corpi con le nostre mani quando ci è stato insegnato. La malattia non inizia nel corpo fisico, inizia nei corpi più' sottili che sono fuori del fisico dove si possono verificare dei blocchi energetici. Un esperto praticante del Therapeutic Touch può sentire questi blocchi che potrebbero diventare tumori nel fisico, ma che sono ancora soltanto presenti nei corpi più' sottili, e' togliere essi adoperando le mani.

Noi sappiamo che gli nostri corpi sono composti da energia vibratoria in chi siamo immersi e de chi siamo circundati, e se essa non è armoniosamente distribuita può'influire sul nostro stato di salute fisica ma blocchi energetici influiscano sempre il nostro stato di salute psichico. La energia raccolta en quello che io chiamo il corpo dei sentimenti, (in questo sono raccolte tutte gli sentimenti (emozionali) quotidiani sperimentati da prima della nascita a oggi) causa il pensare soggettivo. La maggioranza di noi ha pensato soggettivamente. Uno degli obiettivi dei miei workshops è assistere i partecipanti a essere introspettivi e a pensare oggettivamente. Per arrivare a questo insegno una tecnica che io chiamo "Feeling Dissolve"K (dissolvere gli sentimenti). Questo metodo aiuta a rendersi conto e liberarci de questi blocchi energetici. Loro sono le non risolti e raccolti sentimenti negativi, che influiscano il nostro modo di pensare, e interagire con il mondo esterno. Sono gli emozioni che condizionano gli nostri rapporti con altri e particolarmente con noi stessi. Per aiutare ad accelerar il liberarsi da questa vecchia raccolta energetica di sentimenti e modi abitudinali di pensare ho incluso una immagine guidata particolare. Questo esercizio fatto in stato alfa consiste nel togliere questa energia che non ci serve più, usando un vortice di luce (un Master Lindo cosmico) che gira attorno e traverso gli corpi di luce, pulendo li e togliendo tutto quello che non ci serve più. L'intenzione è di superare l'io e il suo desiderio di considerarsi puro e lasciare accadere quello che accada spontaneamente. Il risultato di questo esercizio e' sorprendente e significativo. Qualche volta i partecipanti si sono immaginati di essere in un luogo particolarmente bello pieno di sole che dopo la pulizia diventa buio, notturno, grigio, o nuvoloso. Queste sono le prime indicazioni che l'individuo deve ancora lavorare per arrivare a una chiara introspezione. Altri vedono cadere grandi macigni, pietre, sassolini, nuvole di polvere, liquido scuro che scorre da lor sulla terra, armature o gusci che si staccano, con il risultato di una sensazione fisica di leggerezza, libertà e chiarezza.

Continuando il workshop i partecipanti si occupano del problema du come bilanciare il fatto di essere connessi sia alla terra che al cosmo. Si occupano dell'integrazione dell'energia femminile con quella maschile. La metafora che adopero a questo proposito e' l'immagine del fiore. Ogni fiore rappresenta un simbolismo spirituale che alle volte dimostra lo stato di evoluzione spirituale del partecipante che lo immagina. L 'interpretazione e' basata in questo caso sul lavoro di ricerca de "the Mother", seguace e compagnia spirituale del grande yogi Sri Aurobindo. L'energia può'essere percepita sentendo la salire dalle radici del fiore e può' essere identificata come qualità', può avere un colore, una sensazione , un odore o profumo perfino un suono e talvolta un sapore di terra. Questa informazione mi permettono di rendermi conto in che modo sono integrati i miei partecipanti con la natura e li loro aspetto femminile/ricettivo, e aiuta a riconoscere il loro rapporto con la loro madre. Certe volte i fiori crescano quando sono connessi con le loro radici. Un partecipante ha visto suo nonno, che aveva significato molto per lui e con il quale non aveva potuto completare il suo rapporto evolutivo prima che morisse, venirli incontro con amore come se egli stesse recependo l'energia del sole.(4) L’ energia del sole e'anche particolarmente importante per il/la partecipante che dimostri il desiderio di integrare l'energia maschile/creativa al stesso tempo dimostrando la disponibilità verso il padre. Per assistere a gli mie partecipanti ad avere l'esperienza dell'energia che proviene dalle mani , propongo loro di sentire l'energia del sole uscire dalle loro foglie. In uno dei miei primi workshop ho avuto una rivelazione indimenticabile: uno dei partecipanti ha notato che egli si sentiva troppo vuoto di energia e questo non lo rendeva disponibile a lasciare uscire l'energia dalle sue mani. Di fronte a lui era seduta una signora che pure ha detto di essersi sentita tanto vuota die energia, ma quando era venuto il momento di lasciar fluire l'energia , aveva deciso di farlo lo stesso e immediatamente ne era stata riempita in sovrabbondanza (5) Pensai che questo particolare esempio rivelasse la grande regola cosmica in un microcosmo di tutti i gradi principi dell fede e della donazione. Se siamo disponibili ad avere fiducia e a dare senza sésitasione, non rimarremo mai senza, sia esso amore, sapienza, idee, aiuto o denaro.

In ciascuno immagine guidata e' incluso un procedimento di pulizia e in ogni pulizia e' riflesso il miglioramento dell'individuo attraverso dei simboli presentati dall'immaginazione. Quando si tratta del fiore può essere che all inizio del viaggio fantastico esso fosse un bocciolo e dopo il fiore cresca, oppure prima il fiore era solo e dopo si trovai insieme as altri. Se c'era una nuvola o l'ombra di rami di altri alberi, queste cose scompaiano dopo la pulizia, se li fiore si trova in mezzo a un bosco , può accadere ch gli alberi si allontanano o divengano meno folti; se c'era polvere sul fiore dopo la pulizia questa si lava via. Se la terra era secca e dura, diventa accogliente e morbida dopo la pulizia. Tutti questi sono segni di progresso nell'evoluzione dei partecipanti.

In un'altra immagine guidata noi diventiamo canali d'amore e i partecipanti si rendono conto di quanto siano disponibili ad accettare, assorbire e dare amore. Particolarmente interessanti sono le esperienze che vengono esposte quando si richiede ai partecipati di inviare amore a coloro che amano, a quelli che pensano abbiano bisogno di amore e anche a qualcuno con cui hanno avuto die conflitti, concludendo con donare amore a se stessi. Gli effetti di questi esercizi non si devono dare per scontati, specialmente nell pen ultimo caso. quando partecipanti ripetenti mi hanno raccontato parecchie volate che dopo aver fatto questo esercizio persone con le quali avevano dei conflitti si sono messi in contatto con loro e si sono riappacificate. Questo esercizio e' molto interessante perche' rivela la qualità dell'amore emesso, se e' amore personale o e' amore incondizionato. se è di quest'ultimo tipo, allora viene emanato con la stessa qualità per tutti i tre primi gruppi di recipienti. Se e' invece amore personale, spesse volte i recipienti si fermano, diventano di marmo, scappano via, pure il partecipante fa molta fatica a inviare amore. Questi sono gli effetti che ne derivano. Una volta un partecipante stava inviando amore una persona a cui voleva bene, ma la qualità dell'amore era di tipo appiccicoso, pesante, di rosa marzapane, un amore pieno di bisogni e condizionato, una viva conferma della situazione in cui si trovava la partecipante in quel momento. Inviare amore energicamente può a volte far diventare aggressivo il recipiente, quando la qualità di questo amore non è di tipo incondizionato.

Sarebbe troppo lungo discutere tutti i particolari delle immagini guidate che offro nel mio gruppo, perche' esse sono sette e se moltiplicate per il numero dei partecipanti ammontano a migliaia.

Ciò che ha colpito la mai attenzione durante gli anni é che quando uso l'esperienza dei colori durante lo stato immaginativo Alfa, alcuni dei mie partecipanti arrivano a stati di dimensioni squisita, hanno esperienze di espansione immensa, di leggerezza, di essere senza peso, di essere molto, molto lontani. hanno esperienze di Dio, profonde e coinvolgenti esperienze che mi indicano lo stato della loro crescita spirituali che permette loro di ricollegarsi con l'essenza del loro essere. Io non faccio niente'altro che suggerire il colore; la frequenza del colore é la fonte della loro esperienza. Io so che ripetendo l'esperienza di pulizia nello stato Alfa il processo ha una effetto progressivo. Se alcuni partecipanti non sono in grado di muovere l'energia al disotto della cintola, verso la fine dello workshop questa energia riesce a scendere fino a terra.

Quando i partecipanti ripetono lo workshop, mi rendo conto che questo processo di pulizia si mantiene, non vanno indietro, al contrario é evidente che stanno progredendo nel loro atteggiamento verso la vita sia personale che spirituale.

I loro racconti diventano sempre più belli , le loro immagini interiori sempre più calme e chiare. Le loro vite riflettano questo processo. Gli ostacoli della vita vengano superati con velocità e grazia, rendono le persone sempre più'consapevoli del loro potere e che la strada intrapresa e'quella giusta. Molti di questi racconti sono eccezionali e uno parla per tutti. In questo caso l'esperienza voluta nell'immagine guidata era di rendersi conto dei loro diversi corpi di luce. Il corpo fisico veniva sperimentato Energeticamente e il partecipante racconto' che sentiva palpitare intensamente i suoi diversi organi nei loro diversi ritmi ma sempre in armonia tra di loro. Attraversando i vari livelli egli arrivano' a quello che io chiamo Uovo di Cobalto, per la sua forma e il suo colore. Per lui questo era senza dubbio il corpo reggente, come potrebbe essere il centro di controllo di una nave spaziale; con una sensazione cristallina esso dirige, gestisce e riflette quello che accade nel corpo fisico. Salendo ad una frequenza ancora più alta, una sfera dorata che io chiamo il corpo Buddhi, egli afferma: " Mi sono sentito espandere immensamente e come se sapessi tutto passato, presente, futuro , non c'era limite alla mia conoscenza." Sotto posto alla suggestione di sperimentare la luce bianca al di la' del corpo Buddhi, egli disse " e allora io ero tutto." (6) Questo tipo di esperienza e'stata provata da tanti partecipanti, ciascuno nelle loro varianti individuali. Io non do nessuno suggerimento affinché abbiamo esperienze particolari, la mia parte e' solo quella di guidarli attraverso il livelli. Una partecipante racconto' che quando era arrivata ad un certo livello, era come se lei incontrasse una barriera invisibile e soltanto dopo essersi liberata da un manto di energia più densa ( una forma di metamorfosi) aveva potuto salire al livello di energia più sottile. In un' altra immagine guidata, un' altra partecipante racconto' "e quando ho chiesto al signore davanti a cui me trovavo, per che ero qui, egli non ha risposto, ma improvvisamente ho avuto questa incredibile sensazione di pena e dolore, come se sentisse tutti i dolori e la tristezza mai provata su questa terra, e poi subito dopo mi sono sentita riempire di un'immensa sensazione di gioia, come se avessi sperimentato tutta la gioia mai provata prima d'ora." (7) Impossibile negare che questo tipo di esperienza ha un profondo impatto sui partecipanti come pure sul gruppo, che può condividere con loro queste esperienze. Attraverso i loro racconti le loro esperienze diventano le nostre esperienze anche se queste sono vicarianti. Energeticamente diventano una parte del nostro sistema, proprio come sono diventate parte di ciò che io conosco, informazioni che convalidano che l'esperienza mistica e' qualcosa di passibile per tutti noi. Tutti possiamo identificarci con queste esperienze, perché siamo legati collettivamente, e al tempo stesso noi siamo più o meno collegati all'aspetto divino che é in noi stessi. Ciascuno di noi nel suo modo particolare,o attraverso l'immagine di un Buddha dorato(8) o attraverso l'immagine del Cristo (9) o semplicemente con una forma geometrica.(10)

Il mio scopo é di aiutare i miei partecipanti a vivere la loro vita come esseri d'amore capaci di guarire, che pratichino l'amore incondizionato al amassimo delle loro capacita'.

La possibilità di usare lo stato di rilassamento Alfa per aiutare l'evoluzione spirituale della nostra specie e'senza limiti, purché venga praticate in uno stato incondizionato e non in una forma invadente; concedendo alle persone libertà totale, guidandole soltanto per stimolare la creatività della loro immaginazione e superare l'ego personale. Il modo in cui viene date questa guida é altrettanto importante della guida stessa. L`ho scoperto anni fa, e per questo suggerisco soltanto invece di dettare. Funziona solo, se la persona vuole e ha bisogno di quell'immagine. Che senso ha insistere su la bella giornata per esempio, se la persona ha bisogno di nuvole per la sua insight. Se io dico "è una bella giornata, il sole splende," la persona e' contradetta ad'avere quella esperienza, se io aggiungo invece "Se questo va bene per lei", permetto di scegliere. Per concludere faccio presente un trabocchetto. Ho notato che devo prestare particolari attenzione ai racconti di coloro che hanno avuto molta esperienza con lo stato Alfa, come può' essere appreso per esempio coi metodi Silva Mind. Ho scoperto che alcune di queste persone sono cosi esperte nel creare la loro realtà interiore, che possono usare questa loro abilita'in modo furbesco per evitare di confrontarsi con la loro zona d`ombra, inventando solamente immagini da luce. Bisogna quindi ascoltare li attentamente e osservare con cura se i loro racconti corrispondano alla loro condotta e renderli conoscenti di questa lor tendenza a creare,  a meno che essi ci sfuggano e rinforzino ulteriormente questa loro illusione. Comunque anche questo può essere permesso, se accade.

**************************************************************

1)Tart, Charles T. "Influenze di antecedenti esperienze di assunzione di droghe psichedeliche da parte di studenti del buddismo tibetano: una esplorazione preliminare" (The Journal of Transpersonal Psychology 1991, vol 23, no 2, Transpersonal Instituite, 345 California Ave.,Suit No. 1 , Palo Alto, California 94306) pag. 143

2)Workshop Oberiberg,Svizzera 1989

3)Workshop per personale infermieristico in Duisburg, Germania, gennaio 1989. La trasformazione di questo partecipante nell'ultima meditazione del workshop è rifessa simbolicamente nel cambiamento della sua isola che e` diventata sabbiosa, circondata da cespugli di rose in fiore. E' sempre riflesso il bisogno di isolamento e protezione perche' le rose hanno spine, ma allo stesso tempo le rose denotano un procedimento Di evoluzione spirituale.

4)Workshop Duisburg, Germania, Gannaio 1989.

5)Workshop Kloster Langwaden, Germania, Luglio 1987.

6)Workshop Milano, Italia, 1991.

7)Workshop Duisburg, Germania, 1989.

8)Workshop Hinterstoder, Austria , Ottobre 1991, Aprile 1992

9)Workshop Walbaberg , Germnania , aprile 1989, Hinterstoder, Austria, ottobre 1992. Alrtri in date non annotate.

10)Workshop Duoisburg, Germania, Settembre 1992. Meiringen, Svizzera, Ottobre 1992. Hinterstoder, Austria, Ottobre 1992. Altri in date non annotate.

 

  Su L'uso dello stato Alfa                          Indice Scrito da MNP